Discoteca Custom teatro di rissa e aggressione, chiusa per 15 giorni dalla Questura di Vicenza

1133
discoteca custom vicenza

La discoteca Custom di via Zamenhof a Vicenza è stata chiusa dal questore a seguito di un’aggressione a danno di tre giovani afghani da parte di personale della security del locale, verificatasi la notte di domenica 21 maggio 2023.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, i buttafuori avrebbero malmenato i giovani afghani al di fuori del luogo di ritrovo nel tentativo di sottrarre a uno di loro lo smartphone con il quale era stata ripresa una zuffa nel locale.

Sul posto è stato necessario l’intervento di polizia e carabinieri oltre che del personale sanitario del 118: due dei tre afghani sono finiti in ospedale con ferite gravi dovute alle percosse.

I militari hanno raccolto testimonianze sull’accaduto e le vittime hanno indicato come aggressori i componenti della security, riconosciuti facilmente perché tutti vestivano una maglia con il logo del locale.

Nelle scorse ore, dunque, la decisione del questore di Vicenza, Paolo Sartori, che ha disposto la sospensione della licenza e l’immediata chiusura della discoteca Custom per 15 giorni.

Il locale, come avevamo riportato da queste pagine, era finito nel mirino della questura ad agosto scorso, quando per fatti analoghi aveva subito uno stop alla sua attività, ma irregolarità si erano registrate anche in seguito, compreso a capodanno scorso.

“La violenta aggressione che si è verificata lo scorso fine settimana alla discoteca Custom – commenta Sartori – è stata di una gravità inaccettabile e ancora una volta ha costretto le forze di polizia a intervenire distogliendole per lungo tempo dai servizi di prevenzione e di pubblico soccorso allo scopo di evitare che si potesse compiere una tragedia.

La sospensione della licenza e la contestuale chiusura di questa discoteca, per la seconda volta in meno di un anno, hanno lo scopo di porre argine a una problematica che ha creato non poche criticità sotto il profilo dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini”.