Elemosinanti allontanati dai parcheggi di Vicenza. Questura: “Ancora bivacchi nell’edificio di via Ferretto de Ferretti”

683
Ospedale San Bortolo Vicenza Ulss 8 Berica Giornata mondiale contro Aids Influenza H1N1 a ambulatorio infertilità liste d'attesa droga in discoteca Leopoldo Ciato Ragazza non vedente Investito nel parcheggio del Senegalese ferito da sparo vittima di satanisti
Ospedale San Bortolo Vicenza Ulss 8 Berica

Diversi elemosinanti stanziali nei parcheggi di Vicenza sono stati oggetto di controlli da parte della polizia di Vicenza nelle scorse ore. In particolare, la questura di Vicenza informa di averne controllati e in seguito allontanati un consistente numero tra quelli stazionanti solitamente nel Parcheggio dell’Ospedale cittadino.

Questi elemosinanti – informa una nota diramata da Viale Mazzini – sono stati individuati ed allontanati in quanto erano “intenti a chiedere insistentemente denaro alle persone. Per questo motivo, costoro sono stati altresì sanzionati dalla Polizia. Particolare attenzione è stata dedicata ai parcheggi dei centri commerciali e dei supermercati, dove a volte soggetti molesti disturbano le persone nel momento in cui depositano in auto le borse degli acquisti, chiedendo, anche in questo caso, insistentemente denaro“, aggiunge la questura.

Quanto sopra è emerso durante il fine settimana nell’ambito delle attività di controllo straordinario del territorio disposte con ordinanza dal Questore della Provincia di Vicenza, Paolo Sartori.

Reiterati, inoltre, i controlli agli edifici abbandonati a Vicenza. Nel corso delle ispezioni svolte dalle forze dell’ordine, in particolare agli immobili di via Ferretto de Ferretti, incluso quello collocato sotto il cavalcavia, ed in via Battaglione Leogra, ancora una volta gli agenti hanno potuto constatare tracce di presenze non autorizzate “da parte di soggetti soliti utilizzare luoghi come questo quale punto di riferimento per bivacchi o, fatto ancor più grave, per compiere attività illecite”, spiegano ancora dalla questura circa una problematica che sembra non trovare mai soluzione nonostante i controlli effettuati e nonostante l’intimazione da parte della questura alla proprietà dell’edificio di prendere provvedimenti per evitare gli accessi non autorizzati.