Giovani democratici di Vicenza in memoria della veneziana Valeria Solesin nell’anniversario del Bataclan

735
Valeria Solesin
Valeria Solesin

Esattamente 7 anni fa, all’alba del 14 novembre 2015, la Francia e l’Europa intera si svegliarono accolte dalle traumatizzanti notizie degli atti terroristici compiuti dall’ISIS a Parigi nella sera e nella notte precedente. La serie di brutali attacchi terroristici, compiuti anche allo Stade de France e in alcuni ristoranti, uccise 137 persone e all’interno del Teatro Bataclan perse la vita anche Valeria Solesin, unica italiana tra le vittime.

Valeria, giovane ricercatrice veneziana, laureatasi a Trento nella facoltà di Sociologia, si era in seguito trasferita a Parigi, dove alla Sorbona portava avanti i suoi studi sull’importanza del ruolo della donna nella sviluppo della nostra società, oltre a mettersi a disposizione degli ultimi come volontaria di Emergency.

“Oggi vogliamo stringerci attorno alla famiglia di Valeria nel suo ricordo e rinnovare la nostra più sentita solidarietà e ribadire il nostro pieno sostegno alla madre Luciana Milani, la quale con ineguagliabile fermezza e coraggio ha sempre seguito l’iter del processo ai fanatici responsabili della strage”.

“Per noi Valeria Solesin rappresenta nella maniera migliore una generazione proiettata verso un mondo più giusto, una generazione aperta alla scoperta dell’altro, a ciò che è estraneo da noi, all’aiuto degli ultimi. Persone come lei ci insegnano a non temere, nel suo costante ricordo coltiviamo l’idea della libertà e ci incamminiamo verso il futuro”.

Alvise Cogo, segretario Giovani Democratici di Vicenza

Luca De Giovanni, Giovani Democratici di Vicenza