Guerra in Ucraina, a Vicenza si discute di opportunità e scenari alternativi con Unioncamere

356
guerra in ucraina

L’impatto della guerra in Ucraina e il coinvolgimento dell’area del Mar Nero richiedono una nuova strategia europea rispetto alle relazioni commerciali marittime verso il vicino e il medio oriente e l’Indo-Pacifico. L’abbassamento del baricentro economico verso sud, nel corridoio caucasico-turco, contribuisce all’ulteriore sviluppo dei traffici mercantili e della logistica nel centro-sud Europa.

Mercoledì 14 settembre alle 9:30 nella Sala Consiliare della Camera di Commercio di Vicenza (Via Eugenio Montale 27) si approfondiranno opportunità e scenari dell’area del Mediterraneo Orientale e Nord Africa, Libia Tunisia Egitto, nel penultimo appuntamento con il ciclo “Risposte all’impatto conseguente al conflitto in corso tra Russia e Ucraina”. Gli incontri, gratuiti e in presenza, sono organizzati da Unioncamere del Veneto e Venicepromex in collaborazione con ASCE Scuola di Competizione Economica Internazionale.

“In questo nuovo scenario, il Mediterraneo ha acquisito una nuova centralità – spiega il prof. Arduino Paniccia, Presidente di ASCE Scuola di Competizione Internazionale di Venezia – con uno sviluppo sempre crescente dei collegamenti verso l’area Mediorientale nella direttrice Adriatico – Suez – Golfo Persico – Indo Pacifico e nell’asse Nord Africa-Adriatico, soprattutto per il settore energetico e per diversi comparti merceologici come cereali, metalli, chimica. E questo richiede una profonda riorganizzazione dei traffici marittimi e della logistica intermodale”.

La sponda del nord Africa rappresenta oggi un polo energetico a livello mondiale per Italia ed Europa e per i traffici verso Oriente e la Cina. L’Italia è partner tradizionale dell’area e anche nel primo semestre 2022 si è confermato primo partner commerciale della Tunisia. L’incontro di approfondimento permetterà di conoscere le opportunità di collaborazione e di riposizionamento per le imprese venete in quest’area, dalla riapertura della collaborazione nel mercato libico alle facilitazioni e supporti istituzionali nel sistema economico della Tunisia, grazie all’esperienza di operatori e istituzioni già attivi, come, l’imprenditore della logistica Loris Trevisan e il Console Onorario di Tunisia per il Nord Est Fabio Cadel.

Il Direttore Generale Finest Eros Goi presenterà i nuovi strumenti finanziari per operare in area EMEA, mentre il responsabile Nord Est Mid Corporate SACE Marco Martincich parlerà delle soluzioni assicurativo-finanziarie per operare in quest’area.

Gli incontri – gratuiti e in presenza – organizzati da Unioncamere del Veneto e Venicepromex con ASCE Scuola di Competizione Economica Internazionale, sono destinati a imprese e intermediari. Sono dedicati all’inquadramento macroeconomico/geopolitico e all’analisi di opportunità di aree e Paesi identificati come nuovi sbocchi commerciali realmente praticabili per gli imprenditori veneti.