Informazione, quando un impegno positivo diventa negativo. Basta manipolare la notizia: il caso Pfizer nasce dal taglio di una frase

384
Informazione e caso Pfizer
Informazione e caso Pfizer

Ci vuole poco a sollecitare i movimenti peristaltici delle persone, soprattutto quando ciò che si legge rientra nelle convinzioni del lettore come nel “caso Pfizer”. I cosiddetti “social”, e non solo, sono un veicolo per fornire informazioni completamente false.
Vediamo.

E’ successo che l’amministratore delegato della Pfizer, Albert Bourla, la casa farmaceutica che produce vaccini a mRNA, avrebbe fatto questa dichiarazione: “Quando ci riunimmo in California, nel gennaio del 2019, per stabilire il piano d’azione di Pfizer per i successivi 5 anni, uno dei nostri sogni era la riduzione della popolazione mondiale del 50% entro il 2023. Io credo che oggi, questo sogno, sia divenuto realtà.”

Apriti cielo!
E’ venuto giù un diluvio di improperi, che evitiamo di riportarli.

Ora, un minimo di capacità intellettive dovrebbe indurre a fare una considerazione semplice: gli abitanti della Terra sono circa 8 miliardi e ridurli del 50% significa eliminare ben 4 miliardi di individui. Forse una guerra termonucleare potrebbe avere questo risultato, ma non è certo nelle possibilità di una casa farmaceutica che, tra l’altro, avrebbe tutto da perdere da una drastica riduzione della popolazione mondiale.

Dove è il falso? Semplice: è stata tagliata una parte della frase, come riporta Facta, il sito di fact checking.
Infatti, Bourla, si riferiva alla riduzione del 50% delle persone che non potevano permettersi i farmaci della Pfizer, quindi il sogno era quello di consentire alla popolazione di potersi curare.

La frase vera e completa di Bourla, è la seguente: “Penso che sia davvero la realizzazione di un sogno, che avevamo insieme al mio gruppo dirigente, quando abbiamo iniziato nel 2019, la prima settimana che ci siamo incontrati nel gennaio del 2019 in California per stabilire gli obiettivi per i prossimi cinque anni. E uno di questi era che entro il 2023 ridurremo del 50 per cento il numero di persone nel mondo che non possono permettersi le nostre medicine. Penso che, oggi, questo sogno stia diventando realtà”.

Insomma, la frase positiva è stata trasformata in negativa e molti ci hanno creduto.
Attivare i neuroni, no?

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA

——
Fonte: Informazione. Quando un impegno positivo diventa negativo. Basta manipolare la notizia. Il caso Pfizer

Qui tutti i comunicati ufficiali di ADUC