A poco più di 18 mesi dalla sentenza di I° grado del 19 marzo 2021 (qui il commento su ViPiu.it dell’avv. prof. Rodolfo Bettiol), arriva la prescrizione per alcuni reati contestati e sanzionati (nell’ambito del falso in prospetto e dell’aggiotaggio) per cui l’accusa nel processo d’appello BPVi per il suo crac conferma la sua posizione sulla responsabilità di tutti gli imputati (qui le analisi, sempre del prof. Bettiol, dei singoli ricorsi in appello)  imputati, tra cui i due assolti (qui tutte le udienze su ViPiu.itqui “Banca Popolare di Vicenza. La cronaca del processo”, il libro/documento sul primo grado da noi pubblicato, ndr).

Ma il PG Severi chiede pene ridotte di conseguenza alla decorrenza dei termini e, per Giustini, in misura maggiore per la sua ammissione di colpa e la collaborazione testimoniale data in appello .

Elenchiamo cronologicamente le richieste di condanna in I° grado, le condanne e le assoluzioni nel processo a Vicenza e le nuove richieste nel processo d’appello BPVi a Mestre.

La procura di Vicenza (pm Salvadori e Pipeschi) aveva chiesto, a parte varie richieste in denaro, per l’ex presidente Zonin 10 anni di reclusione, per l’ex vice dg Giustini 6 anni e 8 mesi, per l’altro ex vice dg Marin, per il dirigente responsabile del Bilancio, Pellegrini e per l’ex membro del cda Zigliotto 8 anni e due mesi e per il il vice dg Piazzetta, responsabile della Finanza, 8 anni, oltre. a una condanna pecuniaria per la BPVi in Lca come responsabile amministrativo.

Le condanne erogate (a parte le pene pecuniarie) furono per Zonin 6 anni e 6 mesi oltre a sanzioni e confisca), per Giustini sei anni e tre mesi etc., per Marin sei anni etc., per Piazzetta sei anni etc.), per BPVi in Lca una pena pecuniaria. Zigliotto e Pellegrini furono, invece, assolti in primo grado.

Al termine delle requisitorie l’accusa di Venezia rappresentata dal procuratore generale Alessandro Severi (affiancato nel procedimento da Paola Cameran e dai due pm di Vicenza) ha, quindi, chiesto ieri, al collegio giudicante veneziano presieduto da Francesco Giuliano, con i giudici Alberta Beccaro e David Calabria, di condannare per un totale di circa 32 anni:

  • l’ex presidente Gianni Zonin a 5 anni e 10 mesi
  • gli ex vicedirettori Andrea Piazzetta (divisione finanza) e Paolo Marin (area crediti) a 5 anni e 4 mesi
  • Giuseppe Zigliotto, ex consigliere di amministrazione della banca, e Massimiliano Pellegrini, il dirigente responsabile del bilancio, ugualmente a 5 anni e 4 mesi
  • Emanuele Giustini, ex vice dg area mercati, 4 anni e 7 mesi
  • BPVi in Lca 324 mila euro

Oggi, 23 settembre, il processo d’appello BPVi è proseguito nella sua ventesima udienza con gli interventi delle parti civili, di cui riferiremo a seguire, poi toccherà alle difese (gli avvocati Ambrosetti e Padovani per Zonin, Miucci e Dominioni per Giustini, Roetta per Marin, Giovanni e Giulio Manfredini per Zigliotto, Manes per Pellegrini, Bertolini Clerici e Todaro per Piazzetta) e alle eventuali repliche.

La sentenza è attesa per il 5 ottobre.

Articolo precedenteIl benvenuto del sindaco di Vicenza al nuovo vescovo Giuliano Brugnotto
Articolo successivoPoste Italiane, nell’ufficio postale Vicenza 9 si parla anche la lingua dei segni
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950), dopo aver affiancato al lavoro di marketing e comunicazione da imprenditore nel mondo dell'informatica e dopo essere stato anche responsabile editoriale dell'inserto mensile di Pc Week e free lance del mensile Espansione di Mondador dal 1993 al 1994, è il fondatore e direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su u Vicenza/Veneto/Italia/Borghi d'Italia/Europa/Mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista da gennaio 2020, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”. "Babca Popolare di Vicenza. La cronaca del processo"