Scarpellini resti al suo posto: appello agli organi politici del Consorzio Polizia Locale Nordest Vicentino

435
Giovanni Scarpellini
Giovanni Scarpellini

Tutti gli appartenenti al Consorzio Polizia Locale Nordest Vicentino, personale di vigilanza ed amministrativo, esprimono la propria gratitudine e solidarietà al Comandante Scarpellini per il lavoro svolto in questi anni con grande professionalità ed umanità facendoli sentire una squadra diretta ad un fine comune. Chiedono pertanto agli organi politici competenti di fare quanto è nelle loro possibilità affinché il comandante Scarpellini venga riconfermato nel proprio incarico e non sia vanificato quanto costruito tutti insieme in anni di lavoro nell’interesse dell’intera Comunità“.

Queste righe sono state indirizzate agli organi politici competenti dai dipendenti del Consorzio Polizia Locale Nordest Vicentino. L’obbiettivo è – come si legge chiaramente – quello di scongiurare l’addio del comandante.

Scarpellini – come avevamo riportato da queste pagine – ha spiegato qualche giorno fa i motivi per i quali, a fine anno, si dimetterà dal comando della Polizia Locale NordEst Vicentino.

Su alcuni media locali si erano diffuse interpretazioni della decisione anche in chiave politica, per presunti contrasti con il sindaco di Thiene, Giampi Michelusi. Quest’ultimo, si era invece detto “sorpreso” dalle dimissioni, mentre i gruppi di minoranza consigliare lo additavano come responsabile dell’addio e manifestavano preoccupazione per le ripercussioni sulla sicurezza.

Come lo stesso comandante ha spiegato, le dimissioni, sono dipese da problemi legati alla natura del suo contratto, oggetto di accertamento da parte della Corte dei Conti del Veneto. Quest’ultima, in attesa di sentenziare, ha eccepito che la qualifica dovesse essere dirigenziale, con adeguamento del relativo trattamento economico.

Il CdA del “Nordest Vicentino”, nel frattempo e precauzionalmente, ha deciso di introdurre  la figura di dirigente al posto di quella di funzionario e predisporre a partire dal 2024 una nuova macrostruttura dell’ente. Con l’istituzione di una figura dirigenziale diminuirebbero le risorse destinate alla produttività degli altri dipendenti ed è stato chiesto al Comune di Thiene di trasferire la quota del fondo corrispondente.

“Constatando vana ogni richiesta in tal senso – ha spiegato Scarpellini -, nella riunione del Consiglio di Amministrazione del 16 giugno 2023 ho comunicato agli amministratori che mi sarei fatto da parte alla fine dell’anno per consentire una decisione più serena, rimuovendo definitivamente qualsiasi interpretazione di natura personale al fine di lavorare serenamente per il futuro del Consorzio di Polizia Locale. Per tale motivo le dimissioni saranno irrevocabili”.