Alto Vicentino e cicloturismo: Agritour in sella per una “Agribiciclettata”

308
agribiciclettata

L’Associazione Agritour lancia “Agribiciclettata”, una nuova proposta per una domenica su due ruote, a ritmo lento, immersi nelle tipicità dell’Alto Vicentino: il 5 maggio sarà tempo di “La Terra che Crea”. Lungo un percorso di 19 chilometri si potrà fare tappa in quattro aziende locali per trovare non solo prodotti tipici da assaporare, ma anche attività per i più piccoli e spettacoli.

Due i punti di partenza, con ritrovo dalle 9 alle 11: il parcheggio nei pressi della ditta DHL di Isola Vicentina da cui si raggiunge l’azienda Al Rovere e il parcheggio della Cantina Valleogra e Quaja Veneta di Malo da cui si raggiungono i Vivai Zanella per imboccare poi l’anello tabellato Agritour.

Presso l’Azienda Agricola Al Rovere, che proporrà assaggi di affettati e polenta rigorosamente Mais Marano, alle 10 e alle 11 e 30 Nicola Sordo si esibirà nel suo spettacolo “Professor Corazon”.

Spostandosi a Malo, la Fattoria La Greppia proporrà diversi laboratori didattici nelle fasce orarie 10-11, 11 e 30-12 e 15 e poi dalle 12 e 45 in avanti. Tra un assaggio di yogurt di produzione propria e uno di polline dell’Azienda Agricola Apiamoci, alle 11 e alle 12 e 15 Stefania Carlesso e Igi Meggiorin proporranno lo spettacolo “Contame! Contame! Viva la Campagna!”.

All’Agriturismo La Gramola di Isola Vicentina sarà possibile fare gli assaggi degli asparagi di loro produzione, delle uova dell’Azienda Agricola La Corte e il vino della Cooperativa Sociale Il Cengio e della Vitivinicola Ruaro.

Dalle 11 e 30, infine, i Vivai Zanella saranno sede dello stand gastronomico finale con prodotti Agritour, birra e vino alla spina, attrazioni per bambini. Gran chiusura dell’evento alle 14.30 con lo spettacolo targato Diego Dalla Via e Vallincantà.

La partecipazione è su prenotazione con biglietto unico (al costo di 9,00 euro per gli adulti e 6,00 euro per i bambini da 4 a 12 anni) che comprende assaggi, attività didattiche, spettacoli e concerto finale. È invece escluso il ristoro finale.

“Quella del 5 maggio sarà di fatto la prima uscita del nuovo anno per Agritour  – spiega il neo presidente dell’Associazione Agritour Andrea Lora – dopo che la prevista Pasquetta in fattoria era saltata a causa del maltempo. Ci spostiamo un po’ più sud nel territorio della Val Leogra per immergerci in un’area il cui aspetto è stata modificato nel passato in seguito alle escavazioni per rifornire le fornaci della zona di “tèra crèa”. Oggi l’agricoltura si sta piano piano riappropriando anche di questo paesaggio dai tratti peculiari e di cui, anche con l’azione di Agritour vogliamo far emergere la forza di quella che vogliamo sia una nuova terra che crea. Continuiamo pertanto nel nostro impegno a far conoscere territori, persone e l’impegno che da anni prosegue nella tutela di coltivazioni secolari, tradizioni che si tramandano di padre in figlio e la genuinità dei prodotti che le nostre aziende propongono, sentinelle di un territorio ampiamente industrializzato e urbanizzato che nel comparto agricolo ha ancora, nonostante tutto, un prezioso alleato”.

L’Associazione raggruppa 60 soci, di cui 40 aziende agricole, e si propone di far riscoprire le peculiarità di un paesaggio rurale e delle attività agricole che in esso ancora resistono, tra sapori genuini, studio, impegno e l’amore per la terra, i suoi frutti e gli animali.

Il progetto da cui ha preso forma l’Associazione coinvolge anche i Comuni di Schio, Marano Vicentino, Zanè, Malo, Monte di Malo, San Vito di Leguzzano e Isola Vicentina.