GdF di Vicenza: sequestrate 1400 paia di calzature contraffatte vendute online da scoietà vicentina e prodotte nel Casertano

418
Calzature contraffatte vendute online sequestrate
Calzature contraffatte vendute online sequestrate

Nell’ambito del “Dispositivo operativo per il contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale organizzato”, nei giorni scorsi, i finanzieri del Comando Provinciale della Gdf di Vicenza (qui altre notizie su GdF di Vicenza e altre località, ndr) hanno eseguito il sequestro probatorio di 1400 paia di calzature contraffatte, pubblicizzate e commercializzate online da una società imolese, precedentemente stabilita nel territorio berico.

Nello specifico, militari del Gruppo Vicenza, attraverso un’attività info-investigativa d’iniziativa, sono risaliti a un portale e-commerce utilizzato per la vendita di articoli d’abbigliamento da parte di una società vicentina, successivamente trasferitasi in provincia di Bologna.

L’analisi degli articoli presenti sul sito ha permesso di individuare, tra le altre, alcune calzature commercializzate con l’indicazione “sneakers bassa con stella iconica”, ma recanti segni distintivi di un noto brand del settore.

Una preliminare perizia, effettuata da un consulente della società detentrice del marchio, ha permesso di rilevare che le calzature poste in vendita erano particolarmente idonee a generare “confondibilità” anche in un secondo momento dall’azione di acquisto, ovvero a calzature indossate, pertanto il rappresentante legale dell’azienda di commercio elettronico è stato deferito all’Autorità Giudiziaria bolognese per i reati di commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione.

Su disposizione del magistrato inquirente, è stata eseguita una perquisizione dei locali dell’impresa, che ha permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro probatorio 1422 paia di calzature contraffatte (per un valore di € 55.372,00), nonché di risalire ai fornitori dell’azienda di commercio elettronico, una società a responsabilità limitata semplificata pratese e una società per azioni avente sede a Padova. L’estensione dell’attività d’indagine ai fornitori ha permesso di ricostruire la filiera del falso, individuando – tra l’altro – uno degli opifici di provenienza localizzato in provincia di Caserta

 

L’operazione svolta delle Fiamme Gialle beriche si pone a contrasto della criminalità economico-finanziaria. La contraffazione e il commercio di prodotti non genuini, infatti, danneggiano il mercato, sottraggono opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole. Inoltre, la produzione e la commercializzazione di prodotti contraffatti sono fonte di significative perdite di gettito fiscale, che si traducono in una diminuzione della crescita del Paese e in una riduzione dei servizi pubblici per i cittadini. I cittadini onesti, le imprese e i professionisti che rispettano le regole possono trovare nella Guardia di Finanza un sicuro punto di riferimento.

Si rappresenta che la misura è stata adottata nella fase delle indagini preliminari e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza delle persone sottoposte a indagine in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Il comunicato è stato autorizzato dall'Autorità Giudiziaria per motivi di interesse dell’opinione pubblica.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro. Se vuoi continuare a leggere questo articolo e per un anno tutti i contenuti PREMIUM e le Newsletter online puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere