San Felice Circeo: Torre Fico e la sua spiaggia

La scogliera di Torre Fico.
La scogliera di Torre Fico. Credits: latinaoggi.

A guardarla dall’alto, la Riviera di Ulisse rivela un profilo inaspettato: oltre le dune a macchia mediterranea che costellano il litorale, oltre le ville romane antiche appartenute a grandi personaggi di una storia ormai lontana, oltre le spiagge di sabbia fine e dorata che accolgono ogni anno tantissimi turisti, ci sono una miriade di torri che puntellano lo skyline di quasi tutte le città del basso Lazio.

Una di queste è Torre Fico, che domina la scogliera che delimita una spiaggia di San Felice Circeo al confine con Terracina che ha preso, perciò, il suo nome.

La storia di Torre Fico – Torre Fico è una delle torri costiere che adornano il Circeo; la sua edificazione risale al 1562 ed è contemporanea a Torre Paola (che ne è una copia), Torre Cervia e Torre Moresca, tutte volute da Papa Pio IV e costruite a spese della nobile famiglia Caetani, feudataria di San Felice Circeo e Sermoneta. Si tratta delle prime quattro torri mai sorte sul promontorio. L’intento era quello di difendere la costa dalle incursioni dei saraceni che, per secoli, si sono succedute e hanno rappresentato un serio problema per le popolazioni locali; la storia dell’intera Riviera, in effetti, si articola intorno a questo tassello, in qualche caso arrivando a fondersi con il ruolo avuto dai musulmani in questo angolo d’Italia.

I primi lavori di manutenzione – durante i quali venne murata la cosiddetta Porta di Santa Barbara e furono rinforzati parapetto e piazza d’armi – risalgono al 1726 e, l’anno seguente, i corsari tunisini sarebbero riusciti a rapire 25 sanfeliciani e a portarli con loro proprio passando attraverso la torre che, si dice, avrebbe sparato una cannonata solo quando era oramai troppo tardi.

Ma quello che è più curioso e interessante da analizzare è la strana leggenda dell’eruzione vulcanica che sarebbe avvenuta intorno al 1750. Tra il promontorio del Circeo e la spiaggia di Levante (Terracina), annunciato da un terremoto, si sarebbe improvvisamente aperto un cratere attivo; cratere che avrebbe cominciato a sputare materiale piroclastico. Torre Fico sarebbe stata protagonista anche di questo episodio, ritrovatasi al centro di una sorta di nebbia di fumi e sullo sfondo della caduta in mare di alcune rocce. Si racconta che i sanfeliciani si siano incamminati in sua direzione e abbiano constatato un grande squarcio nel terreno formatosi lungo il pendio del monte.

La prima vita della torre si è conclusa nel 1809 quando, con l’inganno, venne presa dagli inglesi e fatta saltare insieme alle altre 4 “sorelle”. Successivamente, per volere di Papa Pio VII, cominciò la ricostruzione (1816). Quella che vediamo oggi è proprio ciò che resta di questa riedificazione, con una particolarità: negli anni della guerra, la struttura venne dipinta a scacchi bianchi e neri, motivo tipico dei rivestimenti militari dell’epoca; diventò, infatti, postazione della Regia Marina Militare.

Un nome curioso – Una torre con una storia intermittente e travagliata, insomma, ma da dove ha origine il suo nome? Pare che tutto dipenda da un frutto che ancora oggi abbonda sullo sperone roccioso che la ospita: appunto, il fico d’India!

La spiaggia di Torre Fico, San Felice Circeo.
La spiaggia di Torre Fico, a San Felice Circeo. Credits: prolococirceo.

La spiaggia – Il lungo litorale sabbioso di San Felice Circeo (circa 11 chilometri) nasce proprio ai piedi di Torre Fico e termina al confine con la città di Terracina. La spiaggetta di Torre Fico è raccolta, di piccole dimensioni, selvaggia e “dura” – come tante spiagge della Riviera di Ulisse – ma allo stesso tempo dorata e incantevole. A un passo dal porto turistico, condensa acqua cristallina e sabbia fine in un panorama fatto di rilievi e piccole alture rocciose che ispirano gli amanti dello sport e dell’escursionismo che qui si ritrovano per piccoli percorsi d’arrampicata, attività acquatiche e di snorkeling alla ricerca delle specie floristiche e faunistiche che popolano i fondali marini locali.

Torre Fico, San Felice Circeo.
Torre Fico nel panorama di San Felice Circeo. Credits: Wikipedia.
Napoletana. Con il magma sotto i piedi e in fermentazione dal 1981. Freelance per vocazione, smart worker da prima che diventasse "cool", trasversale, multitasking e impermeabile alla noia. Ho sempre le mani in pasta, ma non in cucina: SEO copywriter, editor, traduttrice e redattrice, sono anche un tutor di matematica e fisica sin dai primi anni trascorsi all'Università Federico II di Napoli. Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole.