Oggi davanti a Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza, si è tenuta una protesta delle RSU – Rappresentanze Sindacali Unitarie – del Comune di Vicenza con tutte le sigle sindacali presenti per protestare contro la mancata convocazione del tavolo sindacale chiesto i primi giorni di luglio per affrontare questioni dirimenti che riguardano i lavoratori dipendenti.

“Con una mail – fa sapere dal CUB Vicenza Maria Teresa Turetta –  il direttore generale dottor Luca Milani, ci ha liquidato spiegando che la dirigenza era in ferie e che quindi se ne parlava solo a fine agosto per affrontare la discussione delle tematiche richieste che sono sostanzialmente materie demandate alla contrattazione aziendale.

Solo dopo l’annuncio della protesta pubblica messa in scena oggi è arrivato il riscontro di una convocazione ufficiale tardiva e in ogni caso dilazionata nel mese di agosto.

Il messaggio forte che la RSU del Comune di Vicenza ha voluto dare all’amministrazione è che le condizioni di lavoro e l’arretratezza delle paghe dei dipendenti comunali, la regressione del potere d’acquisto dei loro salari in rapporto all’inflazione e il rincaro del costo della vita impongono ai sindaci e alla dirigenza strapagata il rispetto delle corrette relazioni sindacali e delle condizioni lavorative e di vita dei lavoratori dipendenti.