Thiene e Lugo di Vicenza, Polizia Locale Nordest Vicentino: due giovani denunciati per spaccio, sequestrati due panetti di hashish e denaro contante

741
Polizia Locale Nordest Vicentino sequestra hashish e contante
Polizia Locale Nordest Vicentino sequestra hashish e contante

Da circa 10 giorni – comunica la Polizia Locale Nordest Vicentino -, alcuni viaggiatori frequentanti la stazione ferroviaria di Thiene avevano segnalato la presenza, nel tardo pomeriggio di ogni giorno, di un gruppetto di giovani che stazionavano con fare sospetto ed apparentemente senza motivo, nel sottopasso di collegamento tra i binari del treno della linea Vicenza-Schio.

Polizia Locale Nordest Vicentino, sequestro hashish e contante
Polizia Locale Nordest Vicentino, sequestro hashish e contante

Dopo alcuni servizi di osservazione e controllo, per il tardo pomeriggio del 17 gennaio la Polizia locale nordest vicentino (qui sue operazioni, ndr) organizzava uno specifico servizio nel corso del quale venivano identificati 4 giovani, dei quali uno, un 19enne della zona, risultava in possesso di:

  • 1 panetto di hashish del peso di circa 90 grammi, del quale erano già state vendute dosi per circa 10 grammi;
  • somma di € 640,00 in banconote da 50 e 20 euro, ritenuta provento di spaccio

Il 19enne veniva pertanto denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza, che convalidava il sequestro di quanto sopra.

Qualche giorno prima, in Lugo di Vicenza, via Molan, nel corso di controlli alla circolazione stradale, una pattuglia della polizia locale NeVi intimava l’alt a ciclomotore sul quale viaggiava un giovane 21enne della zona. A causa del forte odore di stupefacente, gli Agenti procedevano a perquisizione personale rinvenendo un panetto di hashish del peso di grammi 97,96 ed un involucro contenente dosi di hashish già pronto per la vendita. La successiva perquisizione domiciliare permetteva di rinvenire ulteriori dosi di hashish e marijuana, oltre ad un bilancino elettronico.

Il 21enne veniva pertanto denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza, che convalidava il sequestro di quanto sopra.


“Si rappresenta che la misura è stata adottata di iniziativa da parte della Polizia Locale Nordest Vicentino, e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagine in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna”