Bolsonaro risponde alle domande della polizia sull’insurrezione di Brasilia

5159
Jair Bolsonaro
Jair Bolsonaro

L’assalto di gennaio alle istituzioni della capitale brasiliana da parte di migliaia di sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro, intenzionati a ribaltare la sua sconfitta alle elezioni presidenziali, è stato così scioccante che è sembrato unire gran parte della frammentata classe politica del Paese intorno alla necessità di proteggere la democrazia dalla polarizzazione e dall’odio politico.

Persino Bolsonaro, le cui accuse infondate di brogli elettorali avevano spinto i sostenitori a farsi sentire, ha espresso preoccupazione: “Deploriamo quello che è successo”, aveva detto mentre si trovava ancora in Florida.

Così, l’ex presidente è stato sentito nella sede della Polizia federale di Brasilia per riferire sugli attacchi dei suoi supporter. L’ex leader era già stato sentito il 5 aprile in riferimento al caso dei gioielli regalati a lui e a sua moglie dal governo dell’Arabia Saudita per un valore di centinaia di migliaia di dollari.

Bolsonaro è formalmente indagato come mandante dell’assalto sovranista dell’8 gennaio, su decisione del giudice del Tribunale supremo federale, Alexandre de Moraes.

Fonte: The Vision