Fratelli d’Italia sbanca in Provincia di Vicenza, Giovanni Diamanti a La Repubblica: “È un mondo ancora molto cattolico”

383
Possamai Sindaco sondaggio Fratelli d'Italia
Giovanni Diamanti, coordinatore della lista Possamai Sindaco (foto da Agenziaquorum.it)

Fratelli d’Italia trionfa nelle province italiane, mentre il Partito democratico si è affermato nelle grandi città. Questa analisi dai dati delle elezioni europee e comunali, da più parti evidenziata, viene approfondita da La Repubblica.

E per confermare la tesi sulla predominanza del partito della Meloni nei territori decentrati il quotidiano fa riferimento al Vicentino.

Nella provincia di Vicenza Fratelli d’Italia si è risvegliata col 39,63 per cento, il Pd 17. Il granaio leghista ha cambiato casacca. Nel Comune di Zermeghedo, che i primi studiosi del Carroccio utilizzarono come topos chiave del mutamento del Nord Est, Giorgia Meloni è al 41 per cento. Ad Arzignano, nel distretto della concia, al 42. A Thiene, dove nel 2007 sorse un monocolore leghista, ora Fdi svetta col 37,68 per cento. Ad Asiago, l’altopiano di Mario Rigoni Stern, al 48,82. A Gallio più di un cittadino su due ha votato per Fratelli d’Italia”.

Restando al caso vicentino, l’autore dell’articolo per Rep cerca di capire il “perché della Vicenza nera” e cerca una riposta in Giovanni Diamanti, analista politico. “È un mondo ancora molto cattolico, che preferiva la Dc, poi la Lega, e ora Fratelli d’Italia. Vicenza ha eletto due europarlamentari: Elena Donazzan e Sergio Berlato, che rappresenta i cacciatori».

Eppure il capoluogo ha un giovane sindaco democratico: Giacomo Possamai. Non è una contraddizione? «Ma Vicenza città è un’eccezione, e con i suoi centomila abitanti rappresenta una minoranza rispetto a una provincia che ne conta 900mila». Il modello città- progressista, provincia- conservatrice vale anche nel piccolo”.

Fonte: La Repubblica