Videosorveglianza Vicenza, Rucco attacca Possamai lo “smemorato”

238
telecamere videosrveglianza vicenza

Giacomo Possamai è uno “smemorato” secondo il consigliere di Fratelli d’Italia ed ex sindaco di Vicenza Francesco Rucco: si è dimenticato – dice in sintesi – di far presente che le nuove telecamere installate per integrare il sistema di videosorveglianza cittadino sono frutto di un lascito della sua precedente amministrazione.

Poi, senza ironia di sorta ha tirato le orecchie al primo cittadino attuale, per l’ennesima volta, sulla inefficienza nella gestione della delega alla Sicurezza di Vicenza tale da indurre a “cederla” a un consigliere esterno, Daniele Ferrarin.

Nell’ordine, Rucco dice: “In queste ore e per l’ennesima volta il sindaco Possamai annuncia l’installazione di telecamere in città ed in particolare a Santa Lucia e in zona Eretenio. Nessuna novità. Si tratta dell’ennesimo annuncio riguardante un progetto dell’amministrazione Rucco il cui percorso è iniziato nel 2021 e finanziato nel 2022. Ancora una volta l’amministrazione mescola le carte e si appropria di idee, progetti e finanziamenti altrui e li promuove come propri”.

Quanto alla delega conferita a Ferrarin, 59enne esperto in videosorveglianza e già consigliere di circoscrizione e consigliere comunale di Vicenza, l’ex sindaco tira dritto con la sua tesi: “Possamai è a scarso di idee – afferma – e nomina l’ennesimo consigliere delegato esterno, abbiamo perso il conto di quanti siano, alla videosorveglianza in materia di sicurezza urbana, confermando che non riesce a gestire la delega alla sicurezza e che è giunto il momento di cederla ad un assessore che se ne occupi a tempo pieno, prima che i danni in città su degrado e sicurezza urbana diventino irreparabili”.

Infine, Francesco Rucco formula la sua richiesta: “Preoccupati dalla degenerazione di degrado e sicurezza in molte zone della città e della inerzia dell’amministrazione comunale, chiediamo quali azioni proprie intenda mettere in campo il sindaco per garantire decoro urbano e sicurezza ai Vicentini“.